Recensione della Seconda Stagione | Catriona Wightman

mfd2-ep-2-edm0930

Da sette settimane My Mad Fat Diary è ritornato in TV ed eravamo entusiasti di sapere se era bella tanto quanto la prima. Ma come si sarebbero svolte le puntate? Le avventure di Rae al college sono state al centro dello show? Le cose sono rimaste divertenti, spezza cuore e perspicaci? Fortunatamente, sì.

C’è qualcosa di speciale in My Mad Fat Diary, è di una qualità che ha fatto sperare ai produttori che la serie avesse successo. Come fa una serie TV di questo tipo ad essere dolce, intelligente e divertente tutto in una volta? Ovviamente il merito va in gran parte al cast eccellente e a chi ha scritto la serie. Ma quando questi aggettivi si ritrovano tutti insieme come in questa serie è difficile non dire che c’è della magia. Ciò non vuol dire che lo show è assolutamente perfetto ma è onesto è fa provare delle sensazioni sorprendenti. Sicuramente molte persone di rispecchiano in Rae e nei suoi pensieri, anche se molti non hanno compiuto gesti estremi come ha fatto lei, e sono proprio queste azioni la forza della serie tv. Nessun altro show, specialmente quelli per giovani, cattura in pieno il senso di ribellione degli adolescenti, la noia e gli scandali, e tutto ciò è di enorme importanza nello show. Anche Skins ha parlato di queste tematiche ma non è nulla in confronto a come sono state esposte in My Mad Fat Diary.

L’ultima puntata è stata un po’ triste e poi tanto felice? Probabilmente sì. Ciò non ha impedito di piangere in modo imbarazzante quando Finn è arrivato in ospedale per dare supporto a Rae e poi alla fine, quando Rae finalmente batte la sua inisicurezza per passare la notte con Finn (completando così la serie). E’ stato un finale piacevole, così piacevole che fa dubitare su una possibile terza stagione, cosa che vogliamo disperatamente in molti. Ma dopo tutti gli alti e bassi delle puntate precedenti un po’ di romanticismo era più che lecito. My Mad Fat Diary è onesto quando si parla della realtà della vita da adolescente e della vita delle persone con malattie mentali. E’ anche molto onesto con i personaggi: non si vergona di mostrare come Rae si è comportata a volte in modo orribile, come ad esempio quando dice palesemente alla mamma che che non gli importa della nascita della sorella. Tuttavia scene di questo tipo non sono state solo dispiacevoli ma hanno portato dei grandi benefici allo show.

Dedicare il penultimo episodio al diario di Chloe è stata una mossa azzardata ma ha ripagato bene. Mentre Rae ha sempre avuto pensieri negativi, vedere le cose dal punto di vista di Chloe è stato rafforzante. Fa parte dello show mostrare cosa devono affrontare veramente le persone e cosa provano. Rae è stata costretta ad esaminare il suo carattere (anche se non se n’è accorta subito). E’ intrigante come abbia immediatamente compianto il comportamento di Chloe quando è andata a dormire con qualcun altro per sentirsi meglio, mentre invece ciò non funziona mai. Liam (il magnifico Turlough Convery) forse ha trovato rassicurante che sia lui che Rae fossero sulla stessa barca, ma in realtà era la cosa peggiore per entrambi.

Il problema che ha dovuto affrontare Rae successivamente, è stato quello di apprezzare se stessa anche dopo le cose negative che ha affrontato in passato. In seguito al percorso seguito nella prima stagione, Rae sente il bisogno di chiarirsi con Kester, il fantastivco Ian Hart che ha dato molto spessore al ruolo. Kester è stata una presenza stabile nella prima stagione. Il fatto che lui abbia perso le staffe e allontanato Rae è qualcosa di molto interessante, in quanto loro hanno sempre affrontato le diverse situazioni insieme. Nonostante ciò, con il suo aiuto Rae riesce a capire che ha bisogno di cambiare il modo in cui si relaziona con le persone, ma anche con se stessa.
Ad esempio con la madre. Le due riescono ad avvicinarsi dopo che la mamma di Rae ha avuto dei problemi prima del parto ed è stata costretta ad essere ricoverata. Il che è stato molto commuovente ma non originale dal punto di vista narrativo.

Mentre non è difficile apprezzare il gesto eroico di Chop quando prende le difese di Archie, è triste vedere Rae che si fa forza per salvare Chloe che la trova seduta nel letto a piangere con un aspetto devastato e continua ad amettere di stare bene, tuttavia non ci vuole molto a fare ammettere che in realtà ha paura. Questa scena è stata molto infelice ma ha creato anche un po’ di disagio.

Può sembrare un finale troppo allegro visto che la gang è di nuovo riunita. Rae è totalmente innamorata di sua sorella appena nata e Danny è finalmente uscito dall’ospedale ma a noi poco importa, eravamo impegnati ad asciugarci le lacrime!

My Mad Fat Diary fa ridere piangere e ci fa amare ogni secondo di essa. Non è solo una serie TV per Teenagers. è per tutti! Cosa ne pensate dell’ultima puntata. E della seconda stagione in generale?

Articolo di Catriona Wightman.
Traduzione di Nora Barnoussi.
FONTE: DIGITALSPY.CO.UK

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s